Moira Orfei: la regina del circo e i segreti di un’arte millenaria

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 06/09/2018
9:15 pm - 11:30 pm

Luogo
Villa Guarienti Baja

Categorie


 

La conferenza

Il circo ha una storia lunghissima e affascinante da consegnare ai moderni uditori. Le sue discipline risalgono all’antichità e sono strettamente collegate a tre propensioni rilevanti della condizione umana. I virtuosismi del corpo sono in relazione al tentativo di superare i propri limiti, l’ammaestramento degli animali ci parla del desiderio di incontrare l’altro da sé, la clownerie è la capacità di ridere di tutto questo. I personaggi del circo sono entrati a far parte dell’immaginario collettivo mondiale: trapezisti, clown, acrobati e cavallerizze hanno influenzato per secoli le altre arti come la pittura, la poesia, la letteratura e il teatro, fino a contagiare il cinema e la televisione. Ancora oggi queste figure ammaliano milioni di spettatori nel mondo e non vi è nazione dove il fermento del cosiddetto nuovo circo non stia dando frutti vitali. Ogni anno centinaia di spettacoli girano per le piazze e i teatri dei cinque continenti.
Ecco che sul palco del Maravilia Festival verranno raccontate da Alessandro Serena le curiosità e i segreti  dell’arte circense, che ha vissuto il circo in prima persona perché nipote della grande icona italiana Moira Orfei.

Marco Remondini

Marco Biasetti

Durante la serata, sul palco di Villa Guarienti Baja, il pianista e cantautore Marco Biasetti e il sassofonista / violoncellista Marco Remondini racconteranno musicalmente alcuni brani storici legati al circo interpretandoli in una magica atmosfera.

 

 

 

 

 

La Banda

Aprirà e chiuderà l’evento il “Corpo Bandistico Vincenzo Mela” di Isola della Scala presentando alcuni brani che presenterà alcuni brani dedicati al circo.

La Storia del “Complesso Bandistico Vincenzo Mela”:

La banda di Isola della Scala è una realtà ben consolidata ed apprezzata fin dal 1841.
Documenti ci testimoniano che per tutto l’ottocento è stata vanto non solo dei cittadini isolani ma anche testimone d’importanti fatti storici. Dai primi del 1900 la banda inizia a soffrire di una certa irregolarità; è più volte sciolta e ricostituita ma senza duraturo successo.
Il percorso termina con la rifondazione nel 1974.
Vari sono i nomi cambiati nel corso degli anni: da Banda Comunale, alle varie Fanfare della prima metà del 1900, sino ad arrivare al nome di “Complesso Bandistico Scaligero” a seguito della rifondazione del 1974.
In occasione del trentesimo anniversario della rifondazione, festeggiato il 9 maggio 2004, abbiamo aggiunto il nome di “Vincenzo Mela” musicista e patriota isolano., abbiamo aggiunto il nome di “Vincenzo Mela” musicista e patriota isolano.
Oggi il Complesso Bandistico Scaligero “Vincenzo Mela” di Isola della Scala è composto da 35 elementi. Coloriamo attraverso la musica eventi nazionali e locali quali feste, sagre e fiere, organizzando concerti ed eseguendo brani di vario genere, da temi famosi, arrangiamenti per banda e componimenti originali fino a composizioni classiche.
La banda sta ancora crescendo sia come numero di musicisti, sia come nuove esperienze. A dimostrazione di questo progresso il complesso ha partecipato nel 2003, per la prima volta nella sua storia , al “2° Concorso Regionale per Bande” svoltosi a Treviso aggiudicandosi, fra i 15 partecipanti, il settimo posto, superando bande di provata esperienza; sempre a Treviso, nel 2004, partecipa alla terza edizione dello stesso concorso raggiungendo il secondo posto con il punteggio di 86/100; nel 2009 a San Gregorio di Veronella (Vr) la banda partecipa al ” 1° Festival Bandistico Interprovinciale” ottenendo il primo posto.